Andiamo a conoscere gli Adipociti👇

Queste “simpatiche” cellule adipose responsabili dell’ACCUMULO DEI GRASSI (d’altronde sono deputate a questa funzione 🤨) e della loro sintesi.

Sono le cellule che formano il TESSUTO ADIPOSO, sia quello bruno (che a noi non interessa più di tanto in quanto è molto scarso nell’essere umano adulto), sia quello BIANCO/GIALLASTRO, che tende ad accumularsi nel SOTTOCUTANEO con una funzione termoisolante, oltre che risiedere nei nervi, nei muscoli e nelle articolazioni dove ha una funzione protettiva e meccanica.

Come si evince da quanto soprascritto, una riserva di grasso e essenziale per la salute del nostro organismo.

Il problema estetico sussiste in quanto la concentrazione di Adipociti non è quasi mai distribuita omogeneamente nel corpo umano, risultando più alta in alcune zone dell’organismo rispetto ad altre.

Queste cellule riempiendosi di grasso aumentano di volume (ipertrofia degli adipociti) creando i tanto odiati ACCUMULI DI GRASSO.

Attenzione diversi studi affermano che il numero degli Adipociti è stampato nel nostro codice genetico, di conseguenza un aumento del numero delle cellule grasse (iperplasia) è abbastanza raro ed è stato riscontrato esclusivamente nei grandi obesi.

Ergo gli accumuli di tessuto adiposo sono causati da un alta concentrazione e da un riempimento eccessivo degli Adipociti!

IL FAMOSO E DISCUSSO DIMAGRIMENTO LOCALIZZATO ESISTE ⁉️

Certo che NO! MA… 🤔🤔

Quando pronunciamo le fatidiche parole “Dimagrimento Localizzato” sarebbe saggio ed opportuno specificare di cosa stiamo parlando!

Un conto è pensare di dimagrire esclusivamente in alcuni punti, lasciando inalterata tutto il resto della massa grassa corporea, il che risulterebbe una missione impossibile…

Tutt’altro discorso è programmare un dimagrimento generalizzato, cercando di enfatizzare questo processo in alcuni distretti corporei.

Descritto in questa maniera risulta un progetto molto più sensato!

Mi spiego meglio, si tratta di sfruttare il periodo in cui l’organismo è in fase di dimagrimento.

Ed in questo lasso di tempo, tramite un lavoro specifico, di stimolazione delle zone dove il tessuto adiposo risulta maggiormente presente ed ostinato, si può ottenere un miglioramento proprio dell’area che abbiamo deciso di colpire…

QUESTO SI PUÒ FARE 💪🏽💪🏽

LA MIA ESPERIENZA 👨🏼‍🦳👨🏼‍🦳

È possibile accentuare il dimagrimento in alcuni distretti corporei (sempre rigorosamente senza escludere gli altri) programmando su di essi  un lavoro selettivo!

Sono perfettamente consapevole che dopo questa affermazione qualcuno mi starà insultando a distanza ma per esperienza personale, su me stesso e sui miei atleti, posso tranquillamente affermare che è così!

In passato uno dei miei punti deboli è sempre stata la parete addominale. Quando iniziavo un cut aggressivo in vista competizioni, perdevo volume in tutto il corpo ma il tessuto adiposo sull’addome restava sempre più spesso rispetto alle  altre zone, con il tempo e il lavoro specifico l’addome si è trasformato in uno dei miei punti di forza sul palco💪🏽😜

Stesso discorso per una mia bellissima bikini, che aveva da sempre il problema di accumuli sui fianchi (le culotte de cheval che sono uno degli inestetismi più comuni tra le donne).

Con lavoro mirato, pazienza, dedizione, costanza, qualche sacrificio e tante altre doti, fondamentali per chi vuole ottenere risultati quest’anno ha vinto il Campionato Italiano AINBB e il Campionato Europeo ICN… Chiaro segnale che l’inestetismo sui fianchi è stato eliminato!

QUESTO SI PUÒ FARE 💪🏽💪🏽

ESISTE UNA SOSTANZIALE DIFFERENZA tra miglioramento della QUALITÀ MUSCOLARE e il DIMAGRIMENTO LOCALIZZATO❗❗

Sono 2 eventi distinti e separati ma che spesso avvengono contemporaneamente.

Il miglioramento della qualità muscolare avviene quando tramite dei lavori specifici (esempio STATICHE/ISOMETRICHE, COMPRESSION TRAINING) andiamo a stimolare il consumo (ossidazione) del grasso intramuscolare col fine di accentuare la qualità e la separazione muscolare, in gergo bb cesellare o lavorare di cesello 😁

Il “Dimagrimento Localizzato” invece avviene quando usando delle tecniche mirate (esempio  VASCOLARIZZAZIONE/CAPILLARIZZAZIONE) riusciamo ad ottenere una riduzione del pannicolo adiposo posto tra cute e muscolo, in un determinato distretto corporeo.

Con le sopracitate tecniche si crea spesso anche un miglioramento della cute.

Generando una “MERA ILLUSIONE EPIDERMICA”, simile a quella creata dalle creme termogeniche; ma, in fin dei conti… Siete d’accordo con me sul fatto che l’illusione ottica sia parte integrante se non l’essenza del Bodybuilding???

NATURALMENTE LA DIETA E L’IDRATAZIONE SONO I PUNTI CARDINE CHE FANNO LA DIFFERENZA ❗❗

Se non si è in fase di dimagrimento generalizzato, tutto il discorso portato avanti sinora non ha alcun senso.

Quindi, senza un adeguata alimentazione ed idratazione, senza un introito calorico ridotto rispetto alla fase in cui si è costruito nuovo tessuto muscolare… Nessun tipo di protocollo servirà a creare un dimagrimento localizzato!

CONCLUSIONI…👇

Il tessuto adiposo se non è in eccesso, non è nostro nemico ma serve da protezione! Il dimagrimento localizzato è possibile soltanto se inserito all’interno di un programma di dimagrimento generalizzato. Il miglioramento della qualità muscolare e il dimagrimento localizzato non sono la stessa cosa MA spesso viaggiano su binari paralleli.

⚠️  Molto importante!! ⚠️

Le bassissime percentuali di grasso corporeo che si raggiungono durante le competizioni non sono condizioni fisiologiche ideali per il nostro organismo, quindi vanno mantenute solamente per brevi periodi!!!

Inoltre per raggiungere tali composizioni corporee non è assolutamente raccomandabile scendere sotto determinate minime soglie caloriche, basta organizzare un piano ben strutturato durante l’arco dell’anno!